Il patrimonio naturale della Dolenjska e della Bela krajina in Slovenia
Qualche cenno LE GITE E LE VACANZE
Offerta attuale


 

Kompas Novo mesto d.o.o.
Novi trg 10
8000 Novo mesto
tel.:++386 7 393 1 530  
e-mail: kompas.nm@siol.net
http://www.kompas-nm.si/

 


More information

LE GITE DI UN GIORNO
BELA KRAJINA

Vinji vrh - Izvir Krupe - Crnomelj - Pusti Gradec - Veliki Nerajc - Metlika - Drasici

Il fiume Kolpa, i vini dell’Bela krajina, i bianchi costumi tradizionali, la colorazione delle uova di Pasqua, i ricchi balli e la narrativa tradizionale, i costumi, le usanze… Il paese dalla natura intatta con le innumerevoli chiesette, le specialità culinarie, le case in sasso, le cantine vinicole, i vigneti, i casotti-fienili, le bettole, le lettiere del bestiame, le numerose grotte delle doline carsiche… e, naturalmente, il gentile e ospitale popolo della Bela krajina. Arrivo del gruppo sul posto, dove incontreremo la guida turistica locale. Primo monumento culturale da visitare sarà la chiesa barocca del pellegrinaggio di SS. Trinità di Vinji vrh, con i suoi meravigliosi altari. Discesa verso la più bella sorgente carsico-slovena del fiume Krupa, dove l’acqua sgorga da un’enorme roccia calcarea, alta 30 metri. Seguirà lo spuntino/pranzo in una fattoria turistica a base di minestra con pezzetti di carne e vari condimenti, accompagnata con i tradizionali ‘ganci (gnocchi di grano saraceno). La nostra via continuerà verso la città di Crnomelj, fiera del suo interessante nucleo storico ( Castello di Stonic, chiesa di S. Pietro e dello Spirito Santo, centro pastorale). Sarà possibile fermarsi nella casa dei Maleric, dove potrete comprare 15 prodotti d’artigianato (industria domestica). La prossima sosta sarà a Pusti Gradec, in cui si trova una segheria veneziana e il mulino di Klepec, dove ancora oggi si macina il grano come una volta.( possibilità d’acquisto). Poco più avanti troveremo il villaggio di Veliki Nerajec, (premio speciale Europeo per lo sviluppo globale della campagna e rianimazione dei villaggi, dell’anno 2000), dove ci aspetterà la favolosa casa tipica rurale di circa 200 anni. Veliki Nerajec è anche punto di entrata nel parco regionale Lahinja, dove si trovano nel loro habitat anche l’uccello martin pescatore, la pianta il cuculo e le altre piante della zona paludosa. La nostra ultima fermata ci presenterà la città di Metlika e l’omonimo Castello, dove visiteremo il Museo della Bela krajina, vedremo un film sulla regione, ammireremo la collezione vitivinicola ed il Museo dei Pompieri. Ci si potrà fermare anche in una cantina vinicola, e degustare dei vini, per poi partecipare al ricevimento che si terrà all’agriturismo, dove sarà preparato un banchetto tipico della Bela krajina (il maialino da latte, e agnello). Visita di una cantina vinicola “soseska zidanica” (la cantina del vicinato - o banca del vino), dove assaggeremo dei vini.

Baza 20 - Mirna Gora - Crnomelj - Stari trg ob Kolpi - Vinica - Zunici

Il viaggio inizierà in pullman fino al paese termale di Dolenjske Toplice, e avanti ancora fino La Baza 20, dove durante la Seconda Guerra mondiale c’era la sede del comando politico e militare Sloveno e l’ospedale partigiano Jelendol. La prossima fermata sarà sulla montagna Mirna gora (1047 m). Appena sotto la cima, è situata la Casa degli Alpini, la cappella e infine i ruderi di una chiesa dedicata a S. Francesco. Salendo sulla torre della chiesa, il nostro sguardo si poserà sul vasto panorama, e sull’estensione della Bela krajina,- Gorjanci- e Gorski Kotar (già Croazia). La prossima meta sarà Crnomelj, città fiera del suo nucleo storico (Castello Stonic, la chiesa di S. Pietro e Spirito Santo). Nel castello della città sarà possibile contemplare la collezione d’opere del grande e famoso pittore sloveno Bozidar Jakac, ed una vasta raccolta del museo. La prosecuzione del viaggio ci porterà verso il borgo Stari trg na Kolpi, incantevole con il suo pittoresco nucleo e la chiesa barocca (S. Giuseppe). Attraversamento del villaggio Vinica e a seguire il paese di Zunici: lì e nei dintorni vivono discendenti degli Uskoki (immigrati Serbi, Montenegrini, Bosniaci e anche Croati spinti verso il nord dalle invasioni turche del XV-XVII sec.). Nel villaggio esistono ancora le case nello stile degli Uskoki, il che dimostra l’esistenza di un importante patrimonio architettonico. La nostra prossima fermata sarà La Corte di Šokec, dove è situato il centro informativo del Parco regionale Kolpa. La giornata si potrà arricchire con un intermezzo folclorico.